BRCA Sorgente Blog - ultime notizie dal mondo della genetica

Tumore al colon: le cellule dormienti resistenti alle cure

Uno studio, condotto dal team dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss) coordinato dalla dottoressa Ann Zeuner del Dipartimento di Oncologia e Medicina Molecolare, ha scoperto delle cellule dormienti ultraresistenti alle terapie nel tumore al colon. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Experimental and Clinical Cancer Research. Si tratta di un contributo importante per capire i meccanismi di resistenza alle terapie antitumorali.
La ricerca, resa possibile grazie al sostegno di Fondazione AIRC, ha permesso di scoprire nei tumori al colon una piccola parte di cellule dormienti. 


A differenza delle altre cellule tumorali, le cellule quiescenti non si moltiplicano attivamente ma sono caratterizzate da un potenziale cancerogeno maggiore e da una aumentata resistenza alle terapie.

La scoperta aggiunge un tassello molto importante alle conoscenze sulla chemio-resistenza e sulle cellule staminali tumorali, che sono un bersaglio cruciale nella lotta contro il cancro.

Zeuner ha spiegato che le cellule tumorali quiescenti possono rimanere inattive a lungo e resistere alle terapie, per poi risvegliarsi e rigenerare il tumore a distanza di tanti anni. È molto importante studiarle per capire quali sono i punti deboli, così da eliminarle mentre sono ancora nello stato dormiente o impedire loro di svegliarsi.
È importante riuscire a identificare le cellule dormiente e i loro meccanismi di sopravvivenza in modo da sviluppare terapie più efficaci per il tumore al colon-retto.

Il Presidente dell'Iss Silvio Brusaferro ha spiegato che questo studio ha mostrato come la tutela e la promozione della salute per un Istituto debba passare anche attraverso il legame tra la ricerca e i programmi di sanità pubblica.
L'Istituto Superiore di Sanità lavora sulle cellule staminali tumorali da più di dieci anni.

A questo studio hanno contribuito anche le ricercatrici Federica Francescangeli, Maria Laura De Angelis e Marta Baiocchi, e i professori Vito D'Andrea e Filippo La Torre dell'Università La Sapienza e Ruggero De Maria dell'Università Cattolica del Sacro Cuore.


Fonte:
ansa.it

Print
- Comments

Categories: RicercaNumber of views: 127

Tags: tumore Terapia ricerca

blog comments powered by Disqus

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Richiedi informazioni

Clicca qui o chiamaci al numero 02 3670 5871.
Siamo a tua disposizione per una consulenza genetica gratuita